Quando un gruppo di persone scoprono la passione per la storia e l'amore incondizionato per il proprio territorio in cui vivono e lavorano allora nascono associazioni come quella dei Rioni di Borgo Insigne. La ricerca storica e un affetto particolare che lega ogni suo componente alla terra di S. Colombano al Lambro e al suo Castello, fa di questa associazione uno strumento indispensabile alla salvaguardia non solo dei beni artistici presenti ma anche di antiche usanze di epoche remote le quali vengono raccontate e tramandate anche ai giovani perché queste siano sempre insegnamento di importanti valori morali e spirituali e soprattutto non vengano dimenticate le proprie radici. L'Associazione Rioni quindi, oltre a organizzare eventi come sfilate, cene o tornei medievali, vigila scrupolosamente anche sulle condizioni di salute del proprio Castello e di altre
antiche strutture, che queste siano religiose oppure pagane. In questa sezione verranno documentate tutte le attività, di questo gruppo di affiatati volontari, che riguarda principalmente la protezione e manutenzione nonché la divulgazione e la conoscenza di questo luogo ricco di storia. Quello che faremo qui non sarà quindi un mero elenco d'informazioni riguardanti il Castello di San Colombano al Lambro o altre strutture storiche, informazioni che sono peraltro già presenti in rete su altri siti web specializzati e che non mancheremo di indicare proprio in questa sezione, ma  vuole essere un'occasione per farvi conoscere e osservare questi luoghi con i medesimi occhi di chi li ama a tal punto da sacrificare gran parte del proprio tempo libero per far ritornare alla luce antiche meraviglie artistiche.
Alcuni brevi cenni storici
Si pensa che si possa far risalire l'esistenza del Castello di San Colombano al Lambro già dal VI secolo dc ma per avere riferimenti storici certi si dovrà attendere fino al passaggio di Federico Barbarossa il quale lo distrusse completamente, sorte subita ad opera sua, dalla quasi totalità degli insediamenti fortificati della Lombardia. Subito dopo però si accorse dell'importante posizione strategica di quel luogo e ordinò subito la ricostruzione del castello apportando alcune modifiche e rendendolo molto più imponente di quello precedente integrando

poi alcune caratteristiche non comuni e rilevabili in strutture dello stesso tipo di quell'epoca. Ad esempio gli insediamenti abitativi erano all'interno delle mura del Castello, quello che poi é stato chiamato il Riccetto e la percorribilità al suo interno era garantita da vere e proprie strade anziché da vicoli come normalmente accadeva in altri borghi.

Il Castello di San Colombano al Lambro compie 850 anni

Esattamente nel 1164 Federico Barbarossa volle ricostruire il castello che lui stesso distrusse alcuni anni prima in occasione dell'assedio a Milano.
Una data questa che cade fortunosamente a ridosso di uno degli appuntamenti più prestigiosi e attesi a livello mondiale: di Milano 2015, dove la nostra Città e il nostro Castello potranno ben figurare tra i tanti luoghi di arte e storia dell'area Milanese

Prossimamente in questa sezione:
punti-princ.GIF (911 byte) l'Architettura  mappe, planimetrie e curiosità
punti-princ.GIF (911 byte) le Sale
punti-princ.GIF (911 byte) le video guide
punti-princ.GIF (911 byte) arte da scoprire
punti-princ.GIF (911 byte) i suoi misteri
punti-princ.GIF (911 byte) i lavori in corso
punti-princ.GIF (911 byte) i link